TI PIACCIONO GLI ANIMALI?
di Davide Pravettoni
“Sei iscritto a veterinaria? Ah, quindi ti piacciono gli animali”: la frase tipica rivolta a uno studente di medicina veterinaria. Infatti questa potrebbe essere la prevedibile motivazione che spinge ad iscriversi a questa facoltà. Ma se soltanto questo ha scatenato in uno studente l’interesse verso questa professione, l’incontro con la veterinaria potrebbe rivelarsi uno scontro traumatico. L’amore verso gli animali non sempre corrisponde alle finalità di questa professione, che privilegia innanzitutto la salvaguardia della salute dell’uomo.
Di fronte alle oggettive difficoltà del percorso di studi in veterinaria, in molti casi la presa di coscienza di una realtà professionale diversa da quella idealizzata, rafforza le motivazioni iniziali oppure, in alcuni casi, le fa crollare.
Questo reportage è stato eseguito nel 2012 presso le sedi di Lodi e Milano della facoltà di medicina veterinaria lombarda.


Vedi anche:
http://www.ludesanlife.it/numero-2/
Esercitazione pratica. Un puledro viene contenuto per la castrazione.
L'amore idealizzato per gli animali spinge molti studenti a iscriversi alla facoltà di medicina veterinaria.
L'ingresso dell'attuale polo universitario di Lodi. I campi ai lati della strada che porta all'ospedale veterinario saranno destinati agli edifici che completeranno la nuova facoltà di medicina veterinaria.
Paziente della clinica per equini dell'ospedale veterinario di Lodi.
Il Prof. Mandelli, anatomo-patologo veterinario, durante la sua ultima lezione magistrale, al termine della quale è stato insignito del titolo di Professore Emerito.
Studenti di medicina veterinaria assistono ad un intervento chirurgico su un vitello.
Le prime esperienze in clinica, specie con animali gravemente malati, possono disorientare gli studenti alle prime esperienze. Eseguire una semplice iniezione necessita, anche dal punto di vista psicologico, del tutoraggio di un docente.
Puledro in anestesia generale.
Alcuni studenti assistono ad un intervento su un vitello presso la clinica dei ruminanti e del suino.
Presso il reparto di anatomia patologica veterinaria, gli studenti assistono all'autopsia di un vitello morto di broncopolmonite.
L’esplorazione transrettale nel bovino viene utilizzata durante l’esame clinico, la fecondazione artificiale e la diagnosi di gravidanza. Apprendere queste tecniche suscita negli studenti soddisfazione e perplessità insieme.
Induzione dell'anestesia di un cavallo ricoverato.
Intervento di chirurgia ombelicale in un puledro.
Il contenimento dei puledri da castrare rappresenta in molte occasioni la prima volta che questi animali vengono maneggiati dall'uomo. E' molto importante imparare ad avvicinare i pazienti in sicurezza.
Front on, cavallo deceduto al termine di un lungo intervento chirurgico.
Stanchezza e delusione nelle stanze attigue alla sala risveglio, al termine dell'intervento chirurgico su Front on.
Uno studente accudisce un vitello appena nato da taglio cesareo.
Un cavallo morto viene trasportato in cella frigorifera per l'autopsia.
Festeggiamenti al termine di una sessione di tesi di laurea.

You may also like

Back to Top